Volare Alto ripulisce Parco Baden Powell

I candidati al consiglio comunale di Volare Alto hanno organizzato una trash challenge per ripulire Parco Baden Powell dai rifiuti abbandonati

Domenica 5 maggio, cittadini e candidati consiglieri della lista Volare Alto hanno dato vita a una trash challenge in Parco Baden Powell. Sono stati ripuliti tutti i cestini, cambiati i sacchi e raccolto dal prato numerose lattine, bottiglie di vetro e di plastica. Il risultato? 11 sacchi di plastica, 1 di vetro e 2 di indifferenziato.

Una città decorosa

Il decoro urbano è una delle prerogative della lista Volare Alto. Non è possibile parlare di sviluppo, cultura, turismo, imprese se ogni angolo della città si presenta sporco, infestato da erbacce, immondizia o da escrementi canini. “Nel nostro programma auspichiamo di ridare quanto prima decoro alla città – dice Raffaele Fanelli, candidato sindaco di Volare Alto, che spiega come – i cittadini dovranno aiutarci a rendere normale la pulizia costante delle strade urbane con un piano annuale e personale qualificato, da impiegare anche nella Villa Comunale, nel cimitero e nel Parco Baden Powell”.

A proposito del Parco…

Parco Baden Powell è un’area verde di quasi tre ettari e si pone come secondo polmone verde della città, dopo la Villa Comunale ottocentesca. Un polmone però malato. “Lo stato di abbandono del Parco è sotto gli occhi di tutti già da troppo tempo – dice Fanelli, che rivela – i nostri candidati consiglieri, con il supporto di alcuni cittadini, hanno raccolto
ben 11 sacchi di plastica e alluminio, un sacco di vetro e due di indifferenziato
: tutto ciò, sotto gli occhi del sindaco Francesco Miglio”. Il primo cittadino era infatti presente nel Parco per presenziare ad una manifestazione sulla pet terapy. “Non un saluto, non un sorriso, non un grazie a coloro che hanno pulito il Parco – dice rammaricato Fanelli, che rincara la dose – il sindaco rappresenta tutti i cittadini. Ma non per Miglio, abituato alla logica del “con me o contro di me”: è stata davvero una mancanza di stile indecorosa per chi rappresenta la città”.

Riappropriamoci del Parco

San Severo deve tornare ad essere una città dove le famiglie possano passeggiare sia in centro sia in periferia. Occorre però garantire loro occasioni di socializzazione durante tutto l’anno e in ogni quartiere. Fanelli: “Vogliamo una città dove Parco Baden Powell , assieme alla Villa Comunale, alle vie dello shopping e a piazza Allegato, diventi un salotto culturale, luogo di intrattenimento dove poter tranquillamente passeggiare e portare i propri figli a socializzare e giocare liberi sui prati“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *