Marco Visconti: Volare Alto si impegnerà a realizzare un programma di attività di sensibilizzazione alla tutela della salute

Marco Visconti, candidato consigliere di Volare Alto, si impegnerà a realizzare percorsi di formazione alla tutela  della salute di ragazzi e adulti, per migliorare il benessere delle famiglie sanseveresi

Aterosclerosi, obesità, osteoporosi, ipertensione sono malattie da adulti? Certamente, sì. Tuttavia, si possono prevenire anche con una sana alimentazione e con una costante attività di screening. Il Comune può farsi promotore di attività di sensibilizzazione per migliorare la salute dei cittadini”. Marco Visconti, candidato consigliere di Volare Alto con Raffaele Fanelli, spiega il suo impegno a favore di prevenzione e tutela della salute di ragazzi e adulti.

ABITUDINI ALIMENTARI DANNOSE DELETERIE PER LA SALUTE

Nel mirino del candidato consigliere sono finite le abitudini alimentari dannose che predisporrebbero l’organismo dei ragazzi ad una serie di fattori di rischio, ma anche la scarsa propensione degli adulti a sottoporsi a costanti attività di screening a scopo preventivo. “Sono uno studente di che ha deciso di impegnarsi al fianco del candidato sindaco Raffaele Fanelli nella competizione elettorale per contribuire ad affrontare alcune esigenze della città medicina – rivela Marco Visconti, che aggiunge – è importante contribuire al benessere della popolazione e il miglioramento delle condizioni di salute dei sanseveresi attualmente richiedono azioni di sensibilizzazione circa l’importanza della prevenzione delle malattie”.

TUTELA DEL BENESSERE: FONDAMENTALE IL RUOLO DI UN’AMMINISTRAZIONE COMUNALE

“A mio avviso – conclude Marco Visconti – l’Amministrazione Comunale può svolgere un ruolo fondamentale nella tutela del benessere dei cittadini. L’attività amministrativa può incidere notevolmente su programmi dell’ASL e attivare percorsi di educazione alla salute, da somministrare ai ragazzi che diventeranno i cittadini del futuro, per abituarli a sane abitudini alimentali e di prevenzione delle malattie”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *